Presentazioni

Catalogo Didattica

Galleria Foto
Galleria Video

Eventi

Barburin dedica alcuni itinerari tematici alla scoperta - o riscoperta - degli aspetti più segreti ed intriganti di Torino. Attraverso passeggiate o tours nel cuore della città, nei suoi palazzi o nei suoi musei, la possibilità di scoprire storie, misteri o inediti aspetti artistici di una città non a caso definita magica. Ecco, tra le tante, alcune delle proposte più nuove pensate dalla Barburin:

Speciale Mostre

Caravaggio Experience

Imponente video installazione originale, Caravaggio Experience propone l’opera del celebre artista Michelangelo Merisi utilizzando un approccio contemporaneo: l’uso di un sofisticato sistema di multi-proiezione a grandissime dimensioni, combinato con musiche suggestive e fragranze olfattive, porta il visitatore a vivere un’esperienza unica anche sul piano sensoriale, attraverso una vera e propria “immersione” personale nell’arte del maestro del Seicento. Nei grandiosi spazi architettonici della Citroniera Juvarriana della Reggia di Venaria, il visitatore resta “coinvolto” in uno spettacolo di proiezioni e musiche della durata complessiva di 50 minuti circa, in funzione contemporaneamente lungo tutto il percorso, senza interruzioni e a ciclo continuo, in cui sono evocate 58 opere del grande pittore. L’installazione ripercorre i temi dell’intera produzione caravaggesca: la luce, il naturalismo, la teatralità, la violenza; e termina con un “viaggio” ideale attraverso i luoghi di Caravaggio, seguendo cronologicamente le fasi principali della sua incredibile esperienza di vita. Costi: Intero: € 16; Ridotto: 6 - 21 anni: € 12; Possessori carta museo: € 6 Appuntamento: h. 16:10, Via Mensa 34, fronte ingresso biglietteria

Speciale Mostre

L'emozione dei colori nell'arte...

Visita Guida alla Mostra "L'emozione dei COLORI nell'arte Klee, Kandinsky, Munch, Matisse, Delaunay, Warhol, Fontana, Boetti, Paolini, Hirst…" Kandinsky, Paul Klee e Giacomo Balla saranno i protagonisti di una nuova bellissima mostra organizzata alla GAM – Galleria di’Arte Moderna di Torino - con opere di Vassily Kandinsky, Paul Klee e Giacomo Balla. La mostra è un viaggio nella storia, l’invenzione, l’esperienza e l’uso del colore nell’arte moderna e contemporanea d’Occidente, ma anche di altre culture. L’esposizione inizia con l’esplorazione di alcuni esempi di arte dei seguaci del Trantra induista e della Teosofia per arrivare poi alle correnti artistiche novecentesche dedite all’uso del colore. Esposte in questa imporante mostra ci saranno le opere di Vassily Kandinsky, Paul Klee, Giacomo Balla, Luigi Russolo e di alcuni giovani artisti come Asli Çavuşoğu e Simon Starling. DOVE GAM – Galleria di’Arte Moderna di Torino - Via Magenta, 31 - Torino QUANDO Domenica 14 Maggio h. 16:00 Appuntamento h. 15:40 Biglietteria COSTI VISITA GUIDATA € 6.50 + BIGLIETTO INGRESSO - BIGLIETTO INGRESSO (INTERO € 8 + 1.50 diritto di prenotazione)) - INTERO € 16 - CARTA MUSEO € 8

Speciale Mostre 2016

Da Poussin agli impressionisti

Una grande mostra che getta uno sguardo sulla storia dell’arte francese. Capolavori straordinari che rispecchiano l’evolversi del gusto artistico in Russia, la passione per l’arte francese e l’amore per l’Italia di molti dei pittori in mostra. Sono presenti i grandi temi:dai soggetti sacri a quelli mitologici, dalla natura morta al ritratto, dal paesaggio alla scena di genere. Il percorso in mostra, articolato in 12 sezioni per un totale di circa 50 artisti dei quali vengono esposti alcuni dei più noti ed emblematici lavori, si apre con le influenze caravaggesche di Simon Vouet, prosegue attraverso il destino dei grandi maestri del classicismo, da Philippe de Champaigne ai sommi Poussin e Lorrain; attraversa la nuova libertà della pittura di Watteau, Boucher e Fragonard, per approdare al ritorno all'antico di Greuze e alla poesia venata di Romanticismo di Vernet e Hubert Robert; il neoclassicismo di Ingres si intreccia al nuovo sentimento del paesaggio che si affaccia con Corot e all’affermazione dell'Impressionismo con Renoir, Sisley, Monet, Pissarro, fino all’apertura verso le avanguardie moderne con Cézanne e Matisse.

Speciale Musei

Visita Guidata alla Mostra Filippo de Pisis Fondazione Fico

Visita Guidata domenicale alla Mostra su Filippo de Pisis Eclettico connoisseur fra pittura, musica e poesia La mostra intende porre in luce il rapporto a lungo intercorso tra Filippo de Pisis e le fonti pittoriche del presente e del passato. L’approccio alla pittura da parte dell’artista nasce grazie all’amore e alla passione per la storia dell’arte, il culto per la tradizione ferrarese del Costa e del Francia, e si sviluppa nell’arco di un trentennio secondo varie passioni di volta in volta inseguite, percorse, collezionate e ritrovate. De Pisis, visitando e studiando le opere nei musei, ritrova le proprie radici legate al naturalismo e alla pittura francese, scopre se stesso e la propria ispirazione. Dal confronto con i contemporanei de Chirico, Savinio e Carrà, in gioventù egli focalizza la propria attitudine a collezionare il mondo come pratica cosciente di riflessione metaforica e metastorica, in senso metafisico. Dall’incontro con la passione pittorica di Soutine, con il pastello rapido di Toulouse-Lautrec,riceve a Parigi lo stimolo per svincolarsi dalla lezione di Manet, pittore a lungo amato in gioventù e da sempre ritenuto un modello, e per approdare al libero segno sulla tela, a quella libertà espressiva che negli anni Trenta preannuncia gli esiti di certa pittura informale. Il dialogo con le fonti artistiche, la frequentazione dei musei europei, la pittura dei contemporanei, lo portano a elaborare un personale approccio alla tela che rimarrà negli anni inconfondibile, come una cifra indelebile nella storia dell’arte italiana del Novecento. La mostra, che raduna circa 150 opere tra dipinti e disegni, intende porre l’attenzione sul complesso mondo che caratterizza le passioni d’arte e la cultura dell’artista: l’inclinazione poetica, la passione antiquaria e collezionistica, il mondo musicale della lirica, l’indole del botanico naturalista e l’amore per il museo e le civiltà del passato. Queste costanti, che lo seguono per tutta la sua straordinaria parabola creativa, costituiscono delle tappe fondamentali e divengono i cardini attorno a cui si snoda il suo maggiore impegno nella pittura. Il concetto alla base della mostra consiste infatti nel far ruotare attorno alle opere depisisiane una costellazione di riferimenti di altri autori, proponendo al pubblico un percorso articolato in sezioni. INFO: Obbligo di prenotazione telefonica o via mail In cui è obbligatorio lasciare un cognome e un recapito telefonico Appuntamento: 18/03/2018 h. 11:30 (Appuntamento h. 11.10 Presso Biglietteria Fondazione Ettore Fico, Via Cigna 114 con Guida Barburin COSTI: - INTERO: € 10 (Costo Visita Guidata € 5 + Biglietto Ingresso) - RIDOTTO CARTA MUSEO: € 5 (Costo Visita Guidata € 5)

Social Network

Seguici su

Calendario Eventi

La partecipazione agli eventi è subordinata alla prenotazione.

Informazioni e prenotazioni

Barburin - Corso Regio Parco, 48 10153 Torino

Tel - Fax + 39 011 853670