Presentazioni

Catalogo Didattica

Galleria Foto
Galleria Video

Eventi

Barburin dedica alcuni itinerari tematici alla scoperta - o riscoperta - degli aspetti più segreti ed intriganti di Torino. Attraverso passeggiate o tours nel cuore della città, nei suoi palazzi o nei suoi musei, la possibilità di scoprire storie, misteri o inediti aspetti artistici di una città non a caso definita magica. Ecco, tra le tante, alcune delle proposte più nuove pensate dalla Barburin:

Speciale Mostre

Preraffaelliti. L'utopia della bellezza

Settanta capolavori della Confraternita dei Preraffaelliti dalla collezione della Tate, dopo un tour mondiale, prima di rientrare a Londra. Per la prima volta a Torino e in Italia alcuni capolavori indiscussi della Confraternita dei Preraffaelliti, summa pittorica dell'età vittoriana. All'interno della mostra saranno presenti vere e proprie icone del periodo come Ophelia di John Everett Millais, L'amata (La sposa) di Dante Gabriele Rossetti, e tanti altri. L'esposizione si articola in 7 sezioni: La Storia, La Religione, Il Paesaggio, La vita moderna, La poesia, La Bellezza. I Preraffaelliti hanno dipinto i loro paesaggi en plein air per riprodurre il più fedelmente possibile ogni fiore e ogni stelo d'erba. Le loro donne sono persone in carne e ossa, con una sensualità mai celata e spesso ostentata. I loro colori, presi direttamente dalla natura, hanno un'intensità di gioiello, la luce è quella cristallina e diretta del sole. I loro quadri raccontano una storia, spesso presa da Dante Alighieri o William Shakespeare, dalle novelle medievali o dalla Bibbia e puntano sempre a un forte impatto emotivo. La religiosità, tema spesso presente nei quadri dei Preraffaelliti è espressa con un'intensità che all'epoca spesso sconvolse i critici d'arte vittoriani come Charles Dickens, ma che incontrò invece il favore di John Ruskin, loro sostenitore e mecenate. Ritrovo: h. 20:45 Palazzo Chiablese, fronte ingresso Mostra Costi: Intero: € 16,50; Possessori Carta Musei € 6,50; 6 -14 anni € 13,0.

Speciale Mostre

Toulouse- Lautrec. La Belle Epoque

Una Notte al Museo: Tutta la magia, il fascino e la bellezza di una visita notturna all'affascinante Mostra su Toulouse-Lautrec. La Belle Epoque Perchè non pianificare la visita ad un palazzo e un museo oltre il normale orario di chiusura? Anche se si è stanchi e con poca voglia di scoprire ogni dettaglio, potreste cogliere l'occasione per assaporare l'atmosfera più rilassata della sera con tutta la magia e il fascino di Palazzo Chiablese ancora una volta protagonista della scena artistica del capoluogo piemontese con una mostra su uno dei grandi nomi dell’arte francese della fine dell’Ottocento: Henri de Toulouse-Lautrec. Dal 1891 al 1901, Henri de Toulouse-Lautrec ha realizzato ben 351 litografie, 28 delle quali sono i famosi manifesti che l’hanno reso celebre in tutto il mondo e che oggi rappresentano dei veri e propri cliché visivi di quella che può essere definita come la “sua Parigi”, quella di Montmartre, del Moulin Rouge, dei cafè-concert e delle case chiuse. In mostra, dal 22 ottobre 2016 a Palazzo Chiablese, 170 opere tutte provenienti dalla collezione dell’Herakleidon Museum di Atene. Attraverso queste opere, la mostra illustra l’arte eccentrica e la ricercata poetica anticonformista e provocatoria di uno degli artisti oggi più apprezzati. In mostra litografie a colori (come Jane Avril, 1893), manifesti pubblicitari (come La passeggera della cabina 54 del 1895 e Aristide Bruant nel suo cabaret del 1893), disegni a matita e a penna, grafiche promozionali e illustrazioni per giornali (come in La Revue blanche del 1895) diventati un vero e proprio simbolo di un’epoca che è ormai indissolubilmente legata alle immagini di Henri de Toulouse-Lautrec. Ancora una volta Torino capitale dell’arte con una nuova incredibile mostra assolutamente da non perdere. INFO: Obbligo di prenotazione telefonica o via mail In cui è obbligatorio lasciare un cognome e un recapito telefonico COSTI: - INTERO: € 20 (Costo Visita Guidata € 6 + Biglietto Ingresso + Diritto di Prenotazione + Radioguida obbligatoria) - RIDOTTO CARTA MUSEO: € 10 (Costo Visita Guidata € 6 + Biglietto Ingresso + Diritto di Prenotazione + Radioguida obbligatoria) - RIDOTTO SPECIALE 6-14 anni: € 15 (Costo Visita Guidata € 6 + Biglietto Ingresso + Diritto di Prenotazione + Radioguida obbligatoria)

Speciale Mostre 2015

Tamara de Lempicka

Vista Guidata alla mostra dedicata a Tamara de Lempicka – dal 19 marzo a Torino in Palazzo Chiablese, e successivamente a Budapest all’Hungarian National Gallery . Circa 100 opere in un percorso tematico di sei sezioni (I mondi di Tamara; Natura morta; Devozione; Ritratti; Nudo; Moda) che permetterà al pubblico di conoscere nuovi aspetti della vita e dei lavori della famosissima artista, le cui opere sono icone universalmente riconosciute. L’esposizione è curata da Gioia Mori, promossa dal Comune di Torino - Assessorato alla Cultura, dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte e dal Polo Reale di Torino e prodotta da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 Ore e Arthemisia Group. La prima sezione racconta la sua realtà di artista vissuta tra due mondi, l’Europa e l’America, esplorata in un percorso che presenta le sue case e i quadri ispirati ai loro interni. Il primo genere cui si dedicò la Lempicka è quello della natura morta: la seconda sezione documenta questo suo interesse a partire dagli anni giovanili fino agli Cinquanta; un’attenzione particolare è riservata ad alcune opere che presentano strette connessioni con le contemporanee fotografie di Freund, Kertész, Kollar e Maar. Donna dalla natura ambivalente, a una condotta trasgressiva fa coincidere un interesse insospettabile per la pittura “devozionale”, genere a cui è dedicata la terza sezione. La quarta sezione è incentrata sulla tipologia che le procurò maggiore successo: la ritrattistica. Per la prima volta si esporranno anche alcune sue fonti pittoriche (per esempio un acquerello di Hayez), a confronto con studi dell’artista che rivelano la sua passione per l’arte antica. Tre aspetti vengono analizzati in particolare: i ritratti dedicati alle “amazones”, ovvero le amiche lesbiche, messi a confronto con fotografie di Brassai; quelli dedicati all’amica Ira Perrot, uno dei quali (il Ritratto d’Ira Perrot con calle) viene riproposto in un allestimento fatto a New York nel 1933, grazie alla documentazione recentemente rinvenuta dalla curatrice della mostra; e infine i ritratti dedicati ai bambini, in particolare alla figlia Kizette. La sezione dedicata al nudo si sviluppa attraverso l’esposizione di un antecedente antico (una tavola di metà Cinquecento di cerchia fiorentina) a cui la Lempicka ha fatto riferimento, che dà origine a una serie di spettacolari dipinti. In questa sezione sono compresi una cospicua serie di disegni e confronti con fotografie di Albin-Guillot e Brassai che rendono evidente la ricerca della Lempicka sull’illuminazione e gli scorci da studio fotografico. L’ultima sezione racconta il continuo rapporto della Lempicka con il mondo della moda. Vi si troveranno quindi le sue illustrazioni per riviste databili al 1921, disegni, dipinti e fotografie dell’artista, scattate dai massimi fotografi di moda dell’epoca 1930-1950, da d’Ora a Joffé a Maywald. Due rari filmati degli anni Trenta faranno muovere e rivivere l’artista negli spazi della mostra. Costo comprensivo di ingresso, visita guidata e radioguida (obbligatoria) + diritti di prenotazione € 20 € - € 10 possessori Carta Musei

Speciale Mostre 2015

RAFFAELLO: IL SOLE DELLE ARTI Visita Guidata alla Reggia

Tre Visite Guidate alla MostraRAFFAELLO: IL SOLE DELLE ARTI - Sabato 24 Ottobre h. 17:00 - Domenica 25 Ottobre h. 17:00 - Domenica 29 Novembre h. 17:00 Il fulcro della mostra è costituito da un nucleo di celebri capolavori di Raffaello, che evocano il racconto della sua prodigiosa carriera artistica, le persone che ha conosciuto, le diverse città dove ha vissuto. A documentare gli anni della sua formazione è una scelta di opere dei maestri che hanno avuto un ruolo fondamentale, vale a dire il padre Giovanni Santi, il Perugino, il Pinturicchio e Luca Signorelli. La mostra intende accostarsi alla geniale personalità di Raffaello anche da un punto di vista inconsueto e imprevedibile, vale a dire illustrando il suo impegno creativo verso le cosiddette “arti applicate”, che tradussero nelle rispettive tecniche suoi cartoni e disegni nonché incisioni tratte dalla sua opera, e che nel corso del Cinque e Seicento costituirono il veicolo privilegiato per la diffusione e la conoscenza in Italia e nel resto d’Europa delle invenzioni figurative dell’Urbinate: arazzi, maioliche, monete, cristalli di rocca, placchette, smalti, vetri, armature, intagli. Per le richieste di prestito delle opere sono coinvolte le più importanti istituzioni museali italiane e straniere come i Musei Vaticani, il Residenzschloss di Dresda, il Kunsthistorisches Museum di Vienna, il Victoria and Albert Museum di Londra, la Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia, gli Uffizi, la Galleria Palatina di Palazzo Pitti, il Museo Nazionale del Bargello e il Palazzo Corsini di Firenze, il Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza, la Galleria Nazionale delle Marche di Urbino, i Musei Civici di Pesaro e il Museo di Capodimonte di Napoli. Prenota la tua Vista Guidata alla Mostra scegliendo una delle tre date sopra riportate Costo comprensivo di ingresso, visita guidata Intero 20 € - Ridotto 10 € possessori Carta Musei Ritrovo presso Biglietteria Reggia (Via Mensa, 34) alle h. 16:45

Social Network

Seguici su

Informazioni e prenotazioni

Barburin - Corso Regio Parco, 48 10153 Torino

Tel - Fax + 39 011 853670